Contrattura muscolare al collo: sintomi, cause e rimedi

Oggi, parliamo di contrattura al collo o, più correttamente, di dolore cervicale: uno dei fastidi più diffusi.

La contrattura al collo è una condizione molto fastidiosa, dall’effetto molto limitante nello svolgimento delle attività quotidiane.

Tuttavia, molto spesso, viene sottovalutata da coloro che ne soffrono. 

Cos’è una contrattura muscolare ?

Una contrattura muscolare consiste in una contrazione protratta e involontaria di un muscolo o di un gruppo di muscoli, in questo caso parliamo dei muscoli del collo. 

La contrattura muscolare è un meccanismo di difesa dell’organismo, che cerca di equilibrare anomale tensioni muscolari, che si producono come risposta ad alterazioni posturali, eccessivi stress meccanici o microtraumi ripetuti. 

Altre situazioni, invece, possono essere condizioni predisponenti: è il caso di squilibri elettrolitici e di disordini metabolici.

In genere, una contrattura viene facilmente individuata attraverso la palpazione, presentandosi al tatto come un cordone rigido, causato da un addensamento delle fibre muscolari. 

La zona cervicale è uno dei distretti in cui si manifestano più frequentemente le contratture, in quanto il collo è ricco di muscoli che permettono di eseguire una serie di movimenti e che, pertanto, sono soggetti ad andare facilmente in sovraccarico.

Il muscolo più esteso del distretto cervicale è il trapezio, soggetto a frequenti contratture e principale responsabile del dolore al collo. I trapezi sono muscoli simmetrici, per cui la contrattura può interessare anche solo uno di essi ed essere causa di dolore al collo monolateralmente.

Il trapezio si estende  dalla base del cranio fino all’acromion della scapola, delimitando lo spazio tra testa e spalla; inferiormente, invece, si inserisce in basso sulle vertebre dorsali.

Essendo il trapezio un muscolo abbastanza grande, è possibile ritrovare diverse contratture muscolari non solo nella regione del collo, ma anche nei fasci più inferiori della regione interscapolare. 

In altri casi, le contratture sono causate da uno scarso reclutamento della muscolatura periscapolare, per cui tutto il lavoro ricade sul trapezio, perennemente in sovraccarico e in tensione.

Spesso, queste contratture muscolari vanno a incidere sulla normale biomeccanica della regione cervicale e causare l’insorgere di sistemi di compenso in altre regioni della schiena, a livello dorsale e lombare, nonché rigidità e dolore anche in queste zone.

Contrattura al collo: sintomi e cause

Contrattura collo sintomi

I principali sintomi della contrattura muscolare al collo sono rappresentati da dolore alla pressione o spontaneo, irrigidimento muscolare, sensazione di tensione e pesantezza, forte limitazione del movimento e, in alcuni casi, mal di testa e vertigini

Il dolore può produrre alterazioni funzionali localizzate o a distanza, irradiandosi in zone biomeccanicamente collegate.

Contrattura collo cause

Le cause scatenanti possono essere di diverso tipo, quali: 

  • colpo di freddo;
  • colpo di frusta;
  • sovraccarico dei muscoli del collo;
  • posture scorrette protratte nel tempo;
  • esecuzione di un movimento sbagliato improvviso;
  • postura alterata all’altezza del tratto cervicale;
  • somatizzazione di stress, stati ansiosi e/o depressivi;
  • discopatie, come protusioni e ernie, a carico della colonna cervicale.

Contrattura muscolare collo: rimedi e terapia

In questi casi, è fondamentale procedere ad una diagnosi differenziale per individuare la causa del dolore e seguire la terapia più idonea al caso, che, in genere, è farmacologica e fisioterapica. 

Rivolgersi ad un ortopedico o ad un fisiatra è indispensabile: questi vi prescriveranno la cura adatta a seconda del problema specifico e delle esigenze di trattamento.

Per decontrarre la muscolatura, si ricorre a farmaci di vario tipo, tra i quali farmaci miorilassanti e antinfiammatori, ai  quali vengono affiancate terapie fisioterapiche manuali e strumentali, come la tecarterapia.

Insieme ai massaggi decontratturanti, la tecarterapia è il trattamento d’elezione, che aiuta a decontrarre e a rilassare i muscoli contratti. 

Un’azione tempestiva aiuta ad evitare la cronicizzazione del problema e situazioni secondarie più invalidanti, quali torcicollo, cervicalgia miotensiva, alterazioni posturali, spalla dolorosa ecc., che, se non corrette in modo adeguato, possono diventare permanenti.

Fisioterapia

Le contratture muscolari del collo possono essere affrontate dal punto di vista fisioterapico e riabilitativo in modo diverso, in base all’intensità della sintomatologia e all’importanza della limitazione funzionale

In genere, viene seguito un ciclo di 10 sedute, ognuna della durata di circa 45 minuti.

In caso di dolore forte e acuto con limitazione funzionale importante, è preferibile utilizzare elettromedicali  ad azione antiinfiammatoria e antalgica, che aiutano a ridurre la sintomatologia dolorosa. 

Gli elettromedicali più utilizzati sono la laserterapia Yag ad alta potenza e la Frems terapia, che consiste nella neuro-stimolazione a modulazione di frequenza. Talvolta, tali terapie vengono combinate tra loro per un’azione più rapida ed incisiva.

In caso di dolore meno intenso, in cui il sintomo principale è la rigidità, è possibile ricorrere alla tecarterapia, associandola a massoterapia: il calore generato dalla tecar contribuisce a far rilassare la muscolatura e a sciogliere le tensioni muscolari.

Una volta ridotto il dolore con l’aiuto degli elettromedicali, si consiglia di introdurre una serie di esercizi, che mirano a riequilibrare la muscolatura del rachide, in particolare del tratto cervicale, e a correggere atteggiamenti posturali sbagliati, che possono causare delle ricadute. 

La soluzione più indicata è la ginnastica posturale, nell’ambito della quale uno dei metodi  più utilizzati è il metodo Mezieres.

Attraverso posture per l’allungamento delle catene muscolari, la terapia Mezieres permette di normalizzare quei dismorfismi, come scoliosi, iperlordosi, ipercifosi, spianamento delle curve fisiologiche, che causano squilibri posturali e tensioni muscolari.

  • Lascia un commento