Contrattura bicipite femorale: cos’è, sintomi e cause

In un precedente articolo abbiamo parlato dello strappo o stiramento del quadricipite, spiegando nel dettaglio le differenze tra i due fenomeni.
In questo articolo affronteremo un altro tema importante: la contrattura bicipite femorale.

Bicipite femorale: cos’è e quali funzioni svolge

Il bicipite femorale, che fa parte del gruppo dei muscoli ischiocrurali, è un muscolo posteriore e laterale della coscia.
Il suo nome lascia intendere che è composto da due capi (o ventri), il capo lungo ed il capo breve.
Il capo lungo è un muscolo che è in grado di agire su due articolazioni, anca e ginocchio, mentre il capo breve agisce solo sul ginocchio.
I due capi convergono in un unico tendine che si inserisce sulla testa della fibula (perone).


Cosa ci permette di fare questo muscolo?
Il bicipite femorale ci permette di estendere l’anca e retrovertere il bacino, flettere e ruotare esternamente il ginocchio.
Questo muscolo gode di una particolare fama a causa dei frequenti infortuni a cui spesso è soggetto durante le attività sportive.
Si sente parlare di stiramento, contrattura e strappo del bicipite femorale, in questo articolo approfondiremo e spiegheremo in cosa consiste la contrattura del muscolo in questione.

Contrattura del bicipite femorale: sintomi e cause principali

Questo fenomeno prevede una lesione muscolare la cui causa è la contrazione involontaria e improvvisa del muscolo.
La contrattura del bicipite può essere definita come uno stato di protezione e di difesa muscolare quando il tessuto muscolare viene sovraccaricato eccessivamente.
Generalmente i sintomi sono i seguenti:
– Dolore diffuso sulla parte posteriore della coscia
– Mancanza di fluidità del movimento quando il muscolo è in allungamento
– Sensazione di rigidità
– Ipertrofia (aumento di volume) delle fibre muscolari
– Limitazione dei movimenti
– Comparsa di lividi

Al contrario di uno stiramento o di uno strappo muscolare, la contrattura del bicipite femorale è un lieve disturbo e di conseguenza non grave in quanto non si tratta di un danneggiamento del tessuto muscolare.
Si tratta invece di un fascicolo di fibre che resta contratto anche a riposo.
Se uno o più sintomi sopra elencati caratterizzano la tua situazione attuale, ti consigliamo di sottoporti ad una valutazione specialistica per una diagnosi certa ed approfondita. Lì dove è necessario, sarà richiesta anche una ecografia.
Consigliamo, in questo caso, di sospendere momentaneamente ogni tipo di attività sportiva fino alla totale guarigione per evitare di incombere in situazioni più gravi.

Contrattura bicipite femorale: come curarla?

Attenta valutazione fatta da uno specialista permette di formulare un piano di trattamento adeguato alla problematica del paziente.

Lo Studio Delos a Napoli tratta la contrattura del bicipite femorale utilizzando due tecniche:

  • La laserterapia yag: si tratta di un trattamento ad alta potenza e molto utilizzata per il suo effetto antidolorifico, antiedemigeno e antinfiammatorio. I suoi benefici si traducono praticamente nella remissione del dolore e diminuzione dell’infiammazione;
  • La tecarterapia: trattamento curativo che sfrutta il principio del condensatore elettrico per curare gli infortuni muscolo-articolari. Il suo meccanismo si basa sul ripristino della carica elettrica nelle cellule lesionate, per fare si che si rigenerino più velocemente.

Gli specialisti del centro di riabilitazione Studio Delos sottopongono ogni paziente ad una diagnosi, la fase più importante, e solo successivamente individuano la soluzione migliore per ripristinare la normale condizione del paziente.

Se hai subito un infortunio e hai uno o più sintomi sopra elencati, affidati a dei professionisti e prenota subito la tua visita presso lo Studio Delos a Napoli, troveranno la soluzione ideale per te.

  • Lascia un commento